Amo il mio lavoro ma mi metto in gioco

Ho avuto la #fortuna di fare il lavoro per cui ho studiato. Quanti possono dire la stessa cosa? In realtà non è stata fortuna ma ho creato io l’opportunità di rendere un lavoro ciò per cui ho studiato.

E’ andata anche un po’ diversamente rispetto a quello che mi avevano detto.

Ho dovuto apprendere nuove competenze, nuove capacità operative, rimettermi in gioco più volte.
La scuola non ti prepara a quello che dovrai affrontare.

Ma tutto questo mi è servito per crescere professionalmente e personalmente. Quando ti piace quello che fai non si parla più di lavoro, ma di divertimento. Certo la professionalità e le competenze devono essere all’altezza. Le critiche le devi vedere dal lato costruttivo per migliorarti sempre di più.

In questi ultimi anni ho fatto #assistenzatecnicasempre più di alto livello, ho fatto #docenza per aziende e centri di formazione sempre più grossi, ho affinato le tecniche di #comunicazionefrequentando corsi con professionisti del settore comunicazione, ho affiancato alla mia attività tradizionale l’attività del #networkmarketing.

Perché faccio tutte queste attività? Perché mi gratificano, mi fanno crescere, mi portano a contatto con le persone, mi permettono di #crearerelazione

Mi fermo a quello che ho imparato ed applicato? Sicuramente no. C’è sempre spazio per crescere anche se non lo ritieni necessario. Perché? Perché non finisci mai di apprendere nuove nozioni, nuovi #skill, nuovi talenti che magari non sapevi neanche di avere.

Scopri cosa faccio sul mio sito www.michelebagordo.it e se sei interessato/a a collaborare con me scrivimi pure in DM o utilizza i form che troverai nelle sezioni del mio sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *