Smart working o lavoro da casa

Nelle ultime settimane è letteralmente esploso questo “nuovo” metodo di lavoro.

Molte persone, molte aziende e molte scuole, in Italia e non solo, non erano ancora pronte per un salto di questo genere.

Problemi di connettività, scarsa padronanza delle piattaforme e la non abitudine di “parlare” ad una camera sono tre degli aspetti che più influenzano questo modo di lavorare.

Ovviamente non tutti i lavori possono essere svolti in smart working.

Ma provate a pensare a tutti i vantaggi che questo tipo di attività può portare.

Calo del traffico, azzeramento dei tempi e dei costi di spostamento, calo dei consumi elettrici delle aziende, massimizzazione dell’efficacia della produttività ecc… 

Tutto sta nel cambiare la mentalità con la quale si affronta il lavoro.

Io da tecnico informatico e networker ero già abituato a questa modalità di lavoro ma mi rendo conto che per molte persone è un “uscita” dalla routine difficile da gestire.

Ditemi la vostra nei commenti e quali difficoltà avete incontrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *